Ascolto del minore: anche se ha meno di 12 anni

Trust autodichiarato nullo. Responsabile il notaio rogante
13 maggio 2016
Il figlio maggiorenne che lavora da anni può perdere il diritto al mantenimento.
15 maggio 2016

Nelle cause che riguardano, il minore va ascoltato anche se ha meno di 12 anni va ascoltato, salvo che vi siano ragioni particolarmente gravi che lo sconsiglino, ma che il Giudice deve sempre esplicitare e motivare. Anche nei procedimenti di adozione, affidamento e mantenimento, il bambino deve essere sentito, eventualmente tramite esperti come psicologi o servizi sociali.

Lo chiarisce la Cassazione con la sentenza 9780/2016. Secondo il codice civile l’ascolto è obbligatorio per i minori di età compresa tra 12 e 18 anni, e, se di età inferiore la necessità di procedere all’ascolto debba essere valutata caso per caso, in considerazione della maturità del soggetto e della sua capacità di discernimento. Secondo la Cassazione, il giudice ha l’obbligo di sentire i minori in tutti i procedimenti che li riguardano, al fine di raccoglierne le opinioni, le esigenze e la volontà. Il giudice, però, potrebbe ritenere che particolari esigenze, volte alla tutela del minore stesso, sconsiglino detto ascolto; tali esigenze vanno comunque evidenziate nel provvedimento firmato dal magistrato. In ogni caso, l’obbligo dell’audizione può essere assolto anche indirettamente, attraverso una delega specifica a soggetti terzi esperti. 

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi