Amante in viaggio di lavoro è causa di addebito – Cass. Civ. n. 18175/2012

Contratto preliminare, mancanza di attestazione energetica – Cass. Civ. n.12260/2012
26 ottobre 2012
Amministrazione di sostegno per anziano sposato con giovane straniera – Cass. Civ. 18320/2012
28 ottobre 2012

Portare l’amante in viaggio di lavoro giustifica l’addebito

 

La sfacciata violazione dell’obbligo di fedeltà è fonte di addebito della separazione coniugale.

Così hanno statuito i Giudici di legittimità con la sentenza n. 18175 del 23 ottobre 2012.

 

Il caso: il marito va in viaggio di lavoro con quella che sarebbe diventata la nuova compagna, dopo aver lasciato la moglie. Tale contegno, idoneo ad evidenziare ai terzi l’esistenza della relazione extraconiugale, sebbene non ancora intrattenuta con carattere di stabilità, viene ritenuto offensivo nei confronti della moglie e fondante la pronuncia di addebito della separazione.

Premesso che per la pronuncia di addebito non è sufficiente la  violazione dei doveri coniugali sanciti dall’art. 143 c.c., essendo invece necessario accertare se tale violazione abbia assunto efficacia causale nella determinazione della crisi coniugale, gli Ermellini – richiamando l’orientamento giurisprudenziale costante – ribadiscono tuttavia che la violazione dell’obbligo di fedeltà coniugale, specie se attuata attraverso una stabile relazione extraconiugale, rappresenta una violazione particolarmente grave di tale obbligo, che, determinando normalmente l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza, deve ritenersi, di regola, causa della separazione personale dei coniugi e, quindi, circostanza sufficiente a giustificare l’addebito della separazione al coniuge che ne è responsabile, sempreché non si constati la mancanza di nesso causale tra infedeltà e crisi coniugale mediante un accertamento rigoroso e una valutazione complessiva del comportamento di entrambi i coniugi, da cui risulti la preesistenza di una crisi già irrimediabilmente in atto in un contesto caratterizzato da una convivenza meramente formale.

La Corteaccoglie invece il ricorso del marito sotto il profilo della mancata applicazione, da parte della Corte territoriale, dei criteri che presiedono il riconoscimento di un assegno di mantenimento per il coniuge debole.

Condizione essenziale per il riconoscimento del suddetto assegno in favore del coniuge cui non sia addebitabile la separazione è che questi sia privo di adeguati redditi propri, ossia di redditi che gli consentano di mantenere un tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio, nonché che sussista una disparità economica tra i coniugi.

Indispensabile elemento di riferimento ai fini dell’attribuzione e della valutazione di congruità dell’assegno, è il contesto sociale nel quale i coniugi avevano vissuto durante la convivenza, quale situazione condizionante la qualità e la quantità dei bisogni emergenti: fattore che i Giudici territoriali non avevano considerato adeguatamente, così come non avevano ricostruito in modo attendibile il tenore di vita dei coniugi. Debole, a parere della Corte, è peraltro la motivazione che il marito possa contare su un reddito sicuro in quanto lavoratore dipendente, a fronte del carattere altalenante del profitto dell’impresa gestita dalla moglie, non essendo dato di comprendere se, all’attualità, i guadagni della donna giustifichino o meno l’assegno, ovvero se esso sia stato riconosciuto per sopperire ad eventuali e future oscillazioni deficitarie del reddito d’impresa

 

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi