Affidamento familiare disposto dal Giudice ma regolato dai Servizi sociali

Il padre versa il mantenimento anche se i figli sono collocati presso di lui in via prevalente
16 febbraio 2022
Si all’assegno divorzile se l’ex si è sacrificata per la famiglia
18 febbraio 2022

L’art. 4, n. 3 della legge n. 184 del 1983, come novellato dalla legge 149 del 2001 e dal d.lgs. n. 54 del 2013, in attuazione della legge delega n. 219 del 2012, in relazione all’affidamento familiare, nel dissenso manifestato dai genitori del minore, attribuisce alla cognizione giudiziale il potere di disporre d’ufficio l’affido etero-familiare nella necessità, attesa la natura contenziosa della vicenda, di addivenire ad un provvedimento giurisdizionale; ciò non vale, nella “ratio” della disposizione indicata, ad attribuire, altresì, alla stretta competenza giurisdizionale, la fissazione delle modalità attuative del provvedimento disponente l’affido che, servizi organizzati sul territorio, e dotati di specifiche competenze in ambito socio-sanitario, più agevolmente possono individuare in relazione al caso concreto, su delega del giudice disponente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi