Abbandono del tetto coniugale è causa d’addebito della separazione

La fine della convivenza non dà diritto al risarcimento del danno
3 aprile 2015
Modifica delle condizioni relative ai figli (affidamento, assegno, ecc..): è sempre possibile
5 aprile 2015

L’ abbandono del tetto coniugale, determinando l’interruzione della convivenza, giustifica di per sé l’addebito della separazione, salva la prova, a carico di chi se ne è andato,  che l’allontanamento sia intervenuto a crisi già in corso

Lo afferma il Tribunale Roma – sezione I civile – sentenza n. 2333 del 31/1/2015.

L’abbandono della casa coniugale costituisce una grave violazione dei doveri nascenti dal matrimonio, che di per sé può giustificare una pronuncia di addebito della separazione, salvo che l’altra parte provi che essa è stata la conseguenza di una crisi coniugale già in atto da tempo.
Come la Cassazione ha già affermato “Il coniuge, il quale provi che l’altro ha volontariamente e definitivamente abbandonato la residenza familiare senza aver proposto domanda di separazione personale, non deve ulteriormente provare l’incidenza causale di quel comportamento illecito sulla crisi del matrimonio, implicando esso la cessazione della convivenza e degli obblighi ad essa connaturati, e gravando sull’altra parte l’onere di offrire la prova contraria, che quel comportamento fosse giustificato dalla preesistenza di una situazione d’intollerabilità della coabitazione, nonostante l’assenza della giusta causa prevista dall’art. 146 cpv. c.c..”

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi