Negato il trasferimento del minore in altra città se contrario al suo interesse

Reato per il padre che non mantiene il figlio nato fuori dal matrimonio
22 maggio 2019
Alienazione parentale: il minore va ascoltato
23 maggio 2019

La decisione di un coniuge separato o divorziato di trasferire la propria residenza lontano da quella dell’altro è un diritto fondamentale garantito dall’art. 16 della Costituzione e, pertanto, non è certamente sindacabile in sede giudiziaria.

Tuttavia, l’esercizio di tale diritto, in presenza di minori coresidenti in forza di un provvedimento giudiziario, in mancanza di accordo tra i genitori, impone al giudice una valutazione attenta del caso concreto, dovendosi sempre considerare, in via preminente, l’interesse superiore del minore, ovvero il diritto di quest’ultimo ad una sana crescita e ad uno sviluppo armonico della sua personalità nonché a mantenere, pur in caso di disgregazione della famiglia, equilibrati ed adeguati contatti e rapporti con entrambi i genitori.

Nel caso di specie l’autorizzazione è stata negata perchè la prospettiva lavorativa non appariva realistica e comunque il trasferimento avrebbe recato nocumento al minore sradicandolo dal suo contesto sociale e abitativo

Trib. Bologna ordinanza 11.5.2019

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi