Separazione e rapporti personali..tra nuora e suocero – Cass. civ. 16769/2012

in tema di diritto alla nascita – Cass. Civ. Sezioni Unite 16754/12
11 ottobre 2012
revoca dell’amministratore di condominio: basta l’istanza di uno o più condomini
12 ottobre 2012
Se la separazione personale dei coniugi lascia spesso dietro di sé, rancori ed incomprensioni, la “separazione” tra suocero e nuora può diventare infuocata se di mezzo c’è l’assegnazione della casa familiare.Il caso all’esame della Suprema Corte di Cassazione prende le mosse dall’assegnazione, in sede di separazione dei coniugi, dell’appartamento adibito ad abitazione familiare alla moglie, quale genitore collocatario dei figli minori.Tale appartamento in particolare era stato concesso in comodato gratuito dal suocero alla coppia affinchè vi stabilisse la convivenza; ciononostante, terminata la vicenda affettiva tra i due, questi citava in giudizio la nuora affinchè rilasciasse l’immobile di sua proprietà.

I Giudici di legittimità, nella pronuncia in commento, hanno confermato l’orientamento già espresso nella sentenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione n. 13603/2004, secondo cui il coniuge assegnatario della casa familiare subentra nel rapporto contrattuale preesistente al provvedimento con il quale è stata disposta l’assegnazione medesima, senza che dunque intervenga alcuna modifica del titolo di godimento sul bene.

Pertanto, in caso di comodato dell’immobile si applicheranno le relative norme previste dall’art. 1803 e ss. c.c. e, in particolare troverà applicazione l’art. 1809 c.c..

Tale ultima norma citata prevede, da un lato che il comodato, ove non sia previsto un termine, cessi quando sia venuta meno l’esigenza per il quale il comodato stesso sia stato pattuito (nel caso di specie, la destinazione a casa familiare) e, dall’altro, che il comodante possa chiedere prima dello spirare di detto termine la restituzione del bene qualora sopravvenga un urgente e non previsto bisogno.

Sulla scorta di tali osservazioni, il ricorso proposto dal suocero-comodante veniva dunque respinto, ribadendo l’opponibilità al proprietario del provvedimento di assegnazione della casa familiare pronunciato in sede di separazione personale dei coniugi.

Valentina Cardani

http://www.personaedanno.it/?option=com_content&view=article&id=40367

Comments are closed.

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi