Polizza vita a favore di terzo stipulata da incapace: annullabile

Restituita al suocero la casa data al figlio prima delle nozze e per uso personale
23 febbraio 2016
Non sussiste il reato di maltrattamenti in famiglia se la moglie è reattiva
25 febbraio 2016

È annullabile la polizza vita stipulata da un soggetto incapace di intendere e di volere in favore di un terzo beneficiario che non sia legato al primo da un vincolo di mantenimento. L’attribuzione al terzo deve presumersi, fino a prova contraria, compiuta a spirito di liberalità, e costituisce una donazione indiretta. Ne consegue che, se compiuta da incapace naturale, è annullabile a prescindere dal pregiudizio che quest’ultimo possa aver patito.

Lo ha affermato la Cassazione con la sentenza 3263/2016.

 

Nel caso di specie gli eredi di un’anziana signora impugnavano tre polizze dalla stessa sottoscritte in favore di un terzo soggetto quando già era malata di Alzheimer. Secondo la Corte la volontà della defunta era far conseguire, al momento della scomparsa, l’indennizzo delle polizze ai beneficiari designati nel contratto, senza che tale profitto transitasse attraverso l’asse ereditario e senza che fosse interessato da vicende successorie. L’attribuzione al terzo deve presumersi, fino a prova contraria, compiuta a spirito di liberalità, e costituisce una donazione indiretta. Ne consegue che, se compiuta da incapace naturale, è annullabile a prescindere dal pregiudizio che quest’ultimo possa aver patito.

 

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi