Anche il convivente more uxorio ha diritto ai permessi ex l. 104/1992 per accudire il famigliare

Trasferimento della residenza del minore senza consenso dell’altro genitore
21 aprile 2017
Morte del convivente proprietario della casa: l’altro può restarvi a vivere?
24 aprile 2017

L’art. 33 comma 3 l. 104/1992 è illegittimo nella parte in cui non include il convivente more uxorio tra i soggetti legittimati a fruire del permesso mensile retribuito per l’assistenza alla persona con handicap in situazione di gravità, in alternativa al coniuge, parente o affine entro il secondo grado.

Lo ha statuito la Corte costituzionale con la sentenza n.213/2016.

L’ art. 33, comma 3, della legge attribuisce ad alcuni soggetti vicini alla persona affetta da grave disabilità il diritto a tre giorni mensili di permesso retribuito e con contribuzione figurativa.

I titolari di questo diritto sono il coniuge della persona da assistere o i parenti ed affini entro il secondo grado. Ove manchi il coniuge o un genitore il diritto è esteso a parenti ed affini fino al terzo grado. La norma non individua il convivente more uxorio tra gli aventi diritto, ed essendo quindi discriminatorio il trattamento di quest’ultimo rispetto al coniuge, il Tribunale di Livorno sollevava la questione di legittimità costituzionale sia in relazione al parametro di cui all’art. 3, con riguardo al differente trattamento di situazioni uguali, sia con richiamo ai parametri di cui all’art. 2, per la violazione dei diritti fondamentali dell’individuo nella formazione sociale a cui è riconducibile la convivenza more uxorio, sia, infine, relativamente all’art. 32 sul diritto alla salute.

La Consulta ha accolto la questione con pronuncia additiva che ha dichiarato illegittimo l’art. 33, comma 3, l. n. 104/1992 nella parte in cui non include il convivente – nei sensi di cui in motivazione – tra i soggetti legittimati a fruire del permesso mensile retribuito per l’assistenza alla persona con handicap in situazione di gravità, in alternativa al coniuge, parente o affine entro il secondo grado. La Corte individua la ratio del diritto ai permessi nell’ambito del fine di tutela della salute della persona con disabilità che è propria della l. n. 104/1992. Il permesso, in tale ricostruzione, è una provvidenza indiretta, espressione dello stato sociale, erogata in favore della persona disabile. Da qui, ne ricava che è irragionevole l’esclusione tra i soggetti legittimati a chiedere il permesso.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi