Conto corrente cointestato: chi preleva oltre la soglia che gli spetta commette appropriazione indebita

Eredità: quale parte di patrimonio va riservata ai parenti stretti ?
17 luglio 2014
Marito indifferente e violento ? Ben fa la moglie a mettergli le valigie sul corridoio
17 luglio 2014

Il cointestatario di un conto corrente che, pur potendo compiere operazioni separatamente, preleva o effettua pagamenti in misura eccedente il tetto di pertinenza, senza il consenso, espresso o tacito, degli altri cointestatari, commette il reato di appropriazione indebita.
In tal senso si è pronunciata la Cassazione penale con la sentenza n. 29019 del 4 luglio 2014, nel caso di un uomo che aveva prelevato l’intera somma depositata in un fondo di investimento intestato alla madre defunta e allo stesso, poiché almeno la metà della stessa somma spettava a tutti gli eredi.
Secondo la Corte, sussiste “il delitto di appropriazione indebita a carico del cointestatario di un conto corrente bancario, il quale, pur se facoltizzato a compiere operazioni separatamente, disponga in proprio favore, senza il consenso espresso o tacito degli altri cointestatari, della somma in deposito in misura eccedente la quota parte da considerarsi di sua pertinenza, in base al criterio stabilito dagli artt. 1298 e 1854 cod. civ., secondo cui le parti di ciascun concreditore solidale si presumono, fino a prova contraria, uguali”.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi