Stalking: si può provare anche con lo screenshot di WhatsApp

Maltrattamenti in famiglia anche in relazioni di breve durata
8 maggio 2021
Addebito per allontanamento dalla casa famigliare senza giusta causa
10 maggio 2021

Può essere sufficiente lo screenshot di una chat a incastrare lo stalker: la persona vittima di ripetute molestie e minacce può far valere le proprie ragioni producendo in giudizio la semplice copia dei messaggi ricevuti. Tuttavia, gli screenshot di WhatsApp hanno valore di prova solo se non contestati dalla parte processuale contro cui vengono utilizzati. In caso contrario, occorre procedere all’estrazione dei tabulati dallo smartphone mediante apposita perizia tecnica.

 Cass. penale sent. n. 17552 del 6 maggio 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi