Spetta l’assegno anche all’ex che abbia degli investimenti finanziari

Se l’assegnazione della casa vien meno, l’assegno non dev’essere proporzionale al canone di mercato della casa lasciata
22 luglio 2015
Amministratore di sostegno per il futuro
23 luglio 2015

Spetta l’assegno di mantenimento anche all’ex che abbia redditi provenienti da investimenti finanziari.

A sancirlo è la Cassazione con l’ordinanza 15271/15, rigettando il ricorso di un uomo contro la sentenza della Corte d’appello di Venezia che aveva determinato in 1.500 euro l’importo dell’assegno per l’ex moglie. Ma la Cassazione conferma l’importo perché la Ctu espletata, nonché le dichiarazioni dei redditi dei coniugi, avevano evidenziato una «notevole disparità» delle condizioni economiche in favore del ricorrente. Era emerso che l’uomo, infatti, aveva proventi derivanti da una sua società e redditi di vari immobili di proprietà. Non rilevava che anche la moglie avesse fatto degli investimenti finanziari poiché non «sarebbe in grado di procurarsi i mezzi adeguati al tenore di vita goduto durante la convivenza matrimoniale».

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi