Sottrazione internazionale del minore solo se c’è concreto esercizio del diritto d’affidamento

Adozione: se la madre è immatura è inutile l’intervento di sostegno dei servizi sociali
31 marzo 2015
La fine della convivenza non dà diritto al risarcimento del danno
3 aprile 2015

La sottrazione internazionale del minore scatta solo se c’è coabitazione ed esercizio effettivo dell’affidamento.

Lo ha sancito la Corte di cassazione con la sentenza 6139 del 26 marzo 2015, accogliendo il ricorso di una donna che era rientrata in Sicilia dal Belgio, con sua figlia.

I genitori erano separati di fatto e a Bruxelles vivevano in due case diverse. La madre aveva così deciso di far ritorno nel Paese d’origine. Il Tribunale per i MInorenni, su istanza del padre, aveva disposto il rimpatrio in Belgio.La Cassazione afferma tuttavia che, in tema di sottrazione internazionale di minori, presupposto indispensabile perché ne possa essere disposto il rimpatrio, ai sensi dell’articolo 13 della Convenzione dell’Aja del 25 ottobre 1980, è che, al momento del trasferimento, il diritto di affidamento sia effettivamente esercitato dal richiedente, in modo non episodico ma continuo. L’accertamento della sussistenza di tale presupposto deve essere puntualmente eseguito dal giudice, in concreto, e non può essere affermato in astratto sulla base del regime legale di esercizio della responsabilità genitoriale.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi