Sms, mail e telefonate frequenti per incontrare il figlio non costituiscono stalking nè reato di molestie

Separazione: deducibili dal reddito anche le somme erogate per l’alloggio dell’altro
19 maggio 2015
Se cessa la nuova convivenza dell’ex, l’assegno di mantenimento non ritorna come prima
29 maggio 2015

Non c’è reato di stalking né di molestie se il padre frequentemente telefona, scrive sms o mail all’ex compagna per avere notizie del figlio minore allo scopo di poterlo incontrare, specie se la madre assume condotte ostruzionistiche.

Lo ha stabilito la Cassazione penale con la sentenza n.22152/2015, ritenendo che manchino sia la connotazione della “petulanza” nel comportamento del soggetto, ovvero quel modo di agire “pressante, insistente, indiscreto e impertinente che finisce per il modo stesso in cui si manifesta, per interferire sgradevolmente nella sfera della quiete e della libertà della persona”, che il presupposto del “biasimevole motivo” che la norma aggiunge alla petulanza come motivazione da considerare “riprovevole per se stessa o in relazione alla persona molestata”.

Per aversi stalking o reato di molestie occorre infatti che vi sia un biasimevole motivo e il pressing esercitato sulla vittima sia volto a creare su di essa una situazione di disagio e di stress, tale da farle temere per la propria incolumità o quella dei propri cari. Chiamare per cercare di incontrare il proprio figlio costituisce invece esercizio di un diritto.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi