Se la moglie antepone la carriera alla nascita di un figlio, non è addebitabile la separazione

Condominio: impianto di riscaldamento rumoroso, diritto al risarcimento dei danni
6 novembre 2014
Debiti: più facile pignorare l’automobile
13 novembre 2014

Non è addebitabile la separazione al coniuge che, dopo il matrimonio, rimanda la scelta di avere un figlio, anteponendo i propri desideri di realizzazione professionale.
Nel caso all’esame della Cassazione, è la moglie che spinge sulla carriera. Il marito lamentava un atteggiamento non curante e anaffettivo nei suoi confronti, avendo la donna preferito soddisfare l’esigenza di affermazione professionale rispetto a quella familiare, così ritardando di otto anni, rispetto al matrimonio, la nascita di un figlio e negando al marito rapporti sessuali dopo il parto.
Secondo la Cassazione (sentenza 24157/2014) tuttavia, non è riprovevole che l’importante decisione di avere un figlio venga assunta dopo alcuni anni di matrimonio, al conseguimento di una maggiore stabilità lavorativa da parte di entrambi i coniugi

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi