Revoca dell’assegno divorzile: attitudine al lavoro in senso concreto

Assegno divorzile: revocabile se nascono nuovi figli?
10 novembre 2020
Minore collocato presso la madre anche se lo condiziona. Decisivo l’ascolto del minore
14 novembre 2020

l’attitudine dell’altro coniuge al lavoro può avere rilievo, ai fini dell’accoglimento della domanda di revoca dell’assegno, solo se si accerti che il beneficiario ha effettivamente e concretamente avuto la possibilità – sopravvenuta rispetto al tempo in cui fu assunta la decisione che si intende modificare – di svolgere un’attività lavorativa retribuita, tenendo conto dei fattori ambientali e individuali e non in forza di mere valutazioni astratte.

 

nel caso di specie, le censure sollevate dal marito si sono limitate a una serie di generiche considerazioni sul valore dell’assegno divorzile – definito quale “beneficio a vita” – senza alcun riferimento a quanto concretamente accertato dai giudici di appello, che invece nella motivazione del decreto impugnato avevano dato atto del fatto che la donna si era attivata nella ricerca di un lavoro stabile, accettando impieghi a tempo determinato e partecipando a concorsi, e che pertanto la stessa si trovava in una condizione di oggettiva impossibilità di procurarsi adeguati mezzi di sostentamento.

Cass. civile ord. 4 settembre 2020 n. 18522

Comments are closed.

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi