Resta l’assegno a carico del piccolo imprenditore che cessa l’attività ma è pensionato

Quando la madre ostacola il diritto di visita del padre
4 marzo 2015
Suocero non può chiedere indietro la casa concessa in comodato e assegnata al coniuge
5 marzo 2015

L’assegno di divorzio resta a carico del piccolo imprenditore, che è anche pensionato, sebbene abbia cessato la propria attività dopo una crisi che si è protratta per anni.
Lo afferma la Corte di cassazione con l’ordinanza n. 4263 del 3 marzo 2015, respingendo il ricorso di un ex fotografo, il quale, dopo aver chiuso la sua attività, aveva chiesto la revoca dell’assegno divorzile.
Ma i Giudici gli danno torto sia perché era anche pensionato, sia perché l’attività era in crisi da tempo e non aveva inciso sulla possibilità di mantenere l’ex moglie. La cessione definitiva della propria attività non cambiava il quadro di riferimento, trattandosi di una società priva di utili (lo stesso ricorrente del resto ammetteva che le nuove tecnologie introdotte unitamente all’ avanzare della sua età , da tempo avevano inciso negativamente sui redditi derivanti dal suo studio fotografico ) per cui era da ritenersi che ormai da tempo il ricorrente vivesse soltanto della sua pensione. D’altra parte, l’età della resistente e la sua posizione economica individuavano un’ effettiva difficoltà.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi