Requisiti per l’indennità di accompagnamento

Affido esclusivo se il padre non versa l’assegno per il figlio e non esercita regolarmente il diritto di visita
5 agosto 2015
Vietato compensare l’assegno di mantenimento con un vecchio credito nei confronti del coniuge
30 agosto 2015

Per ottenere l’indennità di accompagnamento è necessario dimostrare l’impossibilità di deambulare senza l’aiuto di un accompagnatore: niente indennità, quindi, se il soggetto è in grado di deambulare autonomamente solo con l’ausilio di un bastone. Lo sancisce la Corte di Cassazione sez. lavoro con la sentenza 15882/2015.

Due sono i presupposti concorrenti e imprescindibili dell’ accompagnamento non reversibile: l’invalidità totale e l’impossibilità di camminare senza un accompagnatore oppure la necessità di assistenza continua per non essere il soggetto in grado di compiere gli atti quotidiani della vita (anche per patologie mentali e non solo quelle fisici).

L’impossibilità di camminare – secondo la giurisprudenza – va intesa in senso assoluto e non come semplice difficoltà nella deambulazione o nel compimento di atti della vita: in pratica, senza l’accompagnatore, il beneficiario deve essere completamente impossibilitato a muoversi, neanche con l’aiuto del bastone.   

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi