Rapporti sessuali: il coniuge non può essere obbligato

Assegno di mantenimento per i figli: cosa comprende
21 ottobre 2015
Rumori provenienti dal locale: risarcito il danno per lesione del diritto al riposo e vivibilità della propria abitazione
23 ottobre 2015

Nel rapporto di coppia, è da escludersi l’esistenza di un diritto assoluto del coniuge al compimento di atti sessuali. Considerati i diritti e doveri previsti per i coniugi dall’art. 143 c.c., secondo la Cassazione, con la sentenza n. 39865/2015, è da escludersi l’esistenza di un diritto assoluto del coniuge al compimento di atti sessuali, tanto più se avvengono in un contesto di sopraffazioni, infedeltà e violenze. Proprio ai fini dell’integrazione del reato di violenza sessuale, è sufficiente qualsiasi forma di costringimento psico-fisico idonea a incidere sull’altrui libertà di autodeterminazione, senza che rilevi l’esistenza di un rapporto di coppia coniugale o para-coniugale tra le parti, in quanto esso non degrada la persona del coniuge a mero oggetto di possesso dell’altro coniuge. Né basta, a escludere il reato, la circostanza che la donna non si opponga palesemente ai rapporti sessuali, laddove risulti la prova che l’agente abbia avuto la consapevolezza di un rifiuto implicito da parte del coniuge al loro compimento

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi