Prelievo sul conto corrente cointestato

I nonni non hanno diritto a frequentare il nipote se sono in grave conflitto con i suoi genitori
23 aprile 2015
Trust per non pagare le imposte: è frode
26 aprile 2015

In caso di conto corrente cointestato a due soggetti (ad esempio, i coniugi) l’uno può disporre della propria quota parte ma non può decidere su ulteriori liquidità senza aver ottenuto il consenso dell’altro.

Lo ribadisce la Cassazione con la sentenza n. 7915/2015.

La banca, essendo ciascun cointestatario creditore per l’intero, è tenuta a consentire a chi lo richieda di prelevare anche l’intera somma depositata, sempre che, ovviamente sia contrattualmente prevista la facoltà per entrambi i correntisti di compiere operazioni anche separatamente.

Diversa è la regola tra i cointestatari: in mancanza di prova contraria, quanto depositato nel conto si presume diviso in parti uguali. Quindi, ciascuno  ha diritto alla metà della provvista, e non si può effettuare, senza il consenso espresso o tacito di quest’ultimo, il prelievo di una somma superiore a quella di sua spettanza. La regola vale sia per il saldo finale che durante il rapporto di conto corrente

Quindi, se uno dei cointestatari preleva il 100% della somma giacente in conto corrente, dovrà restituire all’altro la metà, sempre che non provi di aver alimentato il conto corrente in percentuale diversa

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi