Per revocare la donazione occorre un pregiudizio grave e dolosamente causato

Autorizzato il trasferimento del minore in caso di precarietà abitativa e reddituale della madre
29 dicembre 2022
Il mantenimento per i figli non può essere compensato con altri crediti
3 gennaio 2023

L’ingiuria grave richiesta, ex art. 801 c.c., quale presupposto necessario per la revocabilità di una donazione per ingratitudine, consiste in un comportamento (esteriorizzato, dunque reso palese a terzi) suscettibile di ledere in modo rilevante il patrimonio morale del donante ed espressivo di un reale sentimento di avversione da parte del donatario, tale da ripugnare alla coscienza collettiva. Tale presupposto non può essere desunto da singoli accadimenti che, pur risultando di per sé censurabili, per il contesto in cui si sono verificati e per una situazione oggettiva di aspri contrasti esistenti tra le parti, non possono essere ricondotti ad espressione di quella profonda e radicata avversione verso il donante che costituisce il fondamento della revocazione della donazione per ingratitudine.
Non è un danno generico a poter integrare l’ipotesi tipica dell’ingratitudine verso il donante, bensì un danno qualificato. Deve trattarsi di un pregiudizio, da un lato, grave — in rapporto, evidentemente, alla situazione economica del donante — e, dall’altro, dolosamente arrecato.
Corte d’Appello Bologna, sent. 25 agosto 2022 n. 1775
https://www.osservatoriofamiglia.it/contenuti/17512900/revoca-della-donazione-possibile-solo-se-il-pregiudizio-e-gr.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi