Non sempre alla casalinga spetta l’assegno di divorzio

Lasciare da solo, anche solo per un giorno, il coniuge invalido integra reato d’abbandono di persona incapace
8 giugno 2015
Le spese straordinarie per i figli vanno sempre rimborsate a parte
11 giugno 2015

Lui disoccupato, e con una figlia nata dalla nuova relazione, seppure senza convivenza. Lei casalinga ma che svolge lavoretti saltuari.

Non c’è spazio per l’assegno di divorzio perché la donna dimostra di avere capacità lavorativa, mentre in giudizio non è stata fornita la prova che lo stato di disoccupazione del marito sia fittizio. Il Giudice inoltre non è tenuto a disporre le indagini sui redditi dell’uomo tramite la guardia di finanza se ritiene che sia raggiunta in altro modo la prova che non sussistono i presupposti per l’assegno in favore dell’ex moglie.

È quanto afferma la Cassazione con la sentenza 11870/15.

Secondo i Giudici non rileva, a fronte del peggioramento delle condizioni economiche dell’ex marito, il fatto che oggi l’ex moglie non abbia i mezzi per mantenere un tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio, poiché quest’ultima ha ammesso di avere capacità produttiva, tanto che fa lavoretti saltuari e non ha fornito la prova dell’impossibilità oggettiva di procurarsi i mezzi citati. L’accertamento del giudice del merito, a parere della Cassazione, deve avvenire sui redditi e le sostanze del richiedente e dell’onerato e l’accertamento della polizia tributaria non può assumere una valenza esplorativa.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi