No al mantenimento del figlio ultra sessantenne

Sporadici episodi violenti non costituiscono maltrattamenti
11 febbraio 2021
Disaccordo sulle cure mediche per il minore: chi decide?
11 febbraio 2021

In materia di contributo al mantenimento dei figli maggiorenni, l’obbligo del genitore cessa nel momento in cui questi ultimi raggiungono l’indipendenza economica reperendo un lavoro. Una volta raggiunta la capacità lavorativa, e quindi l’indipendenza economica, la successiva perdita dell’occupazione non comporta la reviviscenza dell’obbligo del genitore al mantenimento. E’ da escludere il diritto al mantenimento del figlio maggiorenne, ancorchè allo stato non autosufficiente economicamente, quando abbia in passato iniziato ad espletare un’attività lavorativa, così dimostrando il raggiungimento di una adeguata capacità e determinando la cessazione del corrispondente obbligo di mantenimento ad opera del genitore. Nè assume rilievo il sopravvenire di circostanze ulteriori (ad esempio, l’aver perso il lavoro di rappresentante da oltre vent’anni come nel caso in esame), le quali, se pur determinano l’effetto di renderlo privo di sostentamento economico, non possono far risorgere un obbligo di mantenimento i cui presupposti siano già venuti meno.

Cass. Civ., Sez. VI-1, ord. 9 febbraio 2021 n. 3163 – Pres. Scaldaferri, Rel. Cons. Campese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi