Mantenimento: non si tiene conto della componente variabile dello stipendio del dirigente

Revocato l’assegno per il figlio maggiorenne che non prova di aver cercato lavoro
16 aprile 2021
Fecondazione assistita omologa e separazione
17 aprile 2021

La componente variabile della retribuzione è un sistema incentivante composto da varie tipologie di bonus, accomunati tutti dall’essere dipendenti da un complesso di fattori legati in alcuni casi al raggiungimento di performances individuali, in altri ad obbiettivi aziendali, a voci di costi e qualità, situazioni del mercato, rendimenti in termini finanziari, rischio valutario e comunque contingenze esterne rispetto alla prestazione in quanto tale. A ciò si aggiunga che la fruibilità da parte del dirigente non è neppure immediata e diretta come invece avviene per la parte fissa della retribuzione. Si tratta di voci che sono soggette a valutazione discrezionale da parte dell’azienda che è sì tenuta a fissare gli obbiettivi, ma si riserva meccanismi di valutazione dei risultati mediante le c.d. clausole di claw-back. Pertanto ai fini della determinazione del contributo al mantenimento dei figli va ridimensionata la valutazione dei compensi percepiti dal genitore alla stregua delle considerazioni sopra svolte

Trib. Monza 20 febbraio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi