Legge Pinto (risarcimento del danno per irragionevole durata del processo): a quanto ammonta il risarcimento ?

Comodato: all’ex nessun rimborso per le migliorie apportate all’immobile
17 luglio 2015
Ascensore: per deliberare il restauro occorre la partecipazione di tutti i condomini
22 luglio 2015

Il risarcimento del danno non patrimoniale ex Legge Pinto (cioè per  durata irragionevole del processo)  spetta a chi sia stato suo malgrado parte di  una causa eccessivamente, ed ammonta ad un importo non inferiore ad euro 750 per anno di ritardo per i primi tre anni eccedenti la “durata ragionevole” e, per il periodo successivo, nell’importo minimo pari ad euro 1.000.

Tuttavia, la Cassazione con la sentenza 15117/2015 ha precisato che il Giudice può abbassare il risarcimento in relazione alla circostanza concreta. Ciò infatti deriva dalla necessità di rapportare il principio predetto all’entità della pretesa patrimoniale azionata con la causa troppo lunga.  Occorre sempre accertare l’impatto dell’irragionevole ritardo sulla psiche della parte richiedente al fine di giustificare l’eventuale scostamento, sia in senso migliorativo che peggiorativo, dai parametri indennitari fissati dalla Corte europea dei diritti dell’uomo.   È comunque sempre possibile una quantificazione inferiore (nel caso di specie è stata liquidata per 500 euro per anno di ritardo) nell’ipotesi in cui, in relazione anche alla posta in gioco del processo presupposto, vi sia l’esigenza di evitare risarcimenti eccessivi.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi