La nuova convivenza dell’ex coniuge non implica per forza cessazione dell’assegno divorzile

Assegno di separazione può essere dovuto anche se la moglie è autosufficiente
14 novembre 2022
La divisione della casa coniugale è eccezionale
14 novembre 2022

L’instaurazione di una stabile convivenza di fatto del coniuge richiedente l’assegno di divorzio, con altra persona, in funzione del principio di auto responsabilità, recide qualsiasi vincolo di natura patrimoniale nascente dal precedente matrimonio, stabilendo, in estrema sintesi che l’instaurazione da parte dell’ex coniuge di una stabile convivenza di fatto, giudizialmente accertata, incide sul diritto al riconoscimento di un assegno di divorzio o alla sua revisione nonché sulla quantificazione del suo ammontare, in virtù del progetto di vita intrapreso con il terzo e dei reciproci doveri di assistenza morale e materiale che ne derivano, ma non determina, necessariamente, la perdita automatica ed integrale del diritto all’assegno.

Corte d’Appello L’Aquila, sentenza, 16 febbraio 2022, n. 255

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi