La brevissima durata del matrimonio fa venir meno il diritto all’assegno di mantenimento

Sottrazione internazionale del minore: presupposto per il rimpatrio è il concreto esercizio dell’affidamento
28 marzo 2015
Buoni postali: cadono in comunione tra coniugi anche se sono acquistati da uno solo dei due
31 marzo 2015

In caso di matrimonio di brevissima durata (appena 10 giorni di convivenza coniugale, ed 3 mesi tra la celebrazione e il deposito del ricorso per separazione), non spetta al coniuge l’assegno di mantenimento ne è ipotizzabile una pronuncia d’addebito.

Lo ha sancito la Corte di Cassazione con l ordinanza n. 6164, sesta sezione civile, depositata il 26 marzo). Ciò che manca è infatti l’indefettibile presupposto dell’instaurazione di una comunione materiale e spirituale tra i coniugi.
Non basta a giustificare la richiesta di mantenimento l’asserita «marcata sperequazione delle rispettive capacità economiche dei coniugi» e l’«elevato tenore di vita goduto» nel corso dell’unione coniugale, come sostenuto dalla moglie. Secondo la Cassazione, infatti, è incontestabile la fragilità della «comunione spirituale e materiale fra i coniugi»  alla luce della «durata brevissima del matrimonio»e della «ancor più breve durata della convivenza» – di appena dieci giorni – che si è chiusa con «la volontà dei coniugi di non instaurare alcun vincolo significativo tra loro», e con la conseguente apertura del confronto sulle «condizioni della separazione».

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi