Incapacità di fare testamento va valutata con rigore

I redditi in nero contano ai fini della determinazione dell’assegno per moglie e figli
22 dicembre 2022
Anche la violenza assistita giustifica l’ordine di protezione
26 dicembre 2022

Lo stato di incapacità di testare debba essere valutato con particolare rigore, non essendo sufficiente una semplice anomalia o alterazione delle facoltà psichiche ed intellettive del de cuius, bensì occorrendo la prova che, a cagione di una infermità transitoria o permanente, ovvero di altra causa perturbatrice, il soggetto sia stato privo in modo assoluto, al momento della redazione dell’atto di ultima volontà, della coscienza dei propri atti o della capacità di autodeterminarsi.
Quanto alla prova dell’incapacità, che può essere data con ogni mezzo, in caso di infermità tipica, permanente ed abituale l’incapacità si presume e la prova che il testamento sia stato redatto in un momento di lucido intervallo grava su chi affermi la validità del testamento; al contrario, nel caso di infermità intermittente o ricorrente, poiché si alternano periodi di capacità a periodi di incapacità, non sussiste la presunzione indicata, e la prova della sussistenza di essa deve essere data da chi impugni il testamento.

Corte d’Appello Milano, Sez. II, sentenza, 6 maggio 2022, n. 1515

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi