Foto e filmati per inchiodare l’amante…e il coniuge

Se l’ex lavora, niente assegno di divorzio
20 luglio 2017
No al cognome paterno se il minore non vuole
22 luglio 2017

Secondo la Corte di Cassazione (sent. n. 35553/2017), non commette reato il marito che fornisce al giudice un file con le immagini della propria moglie durante un rapporto sessuale con il suo amante per ottenere un taglio dell’assegno di mantenimento.

Anche foto, filmati e registrazioni di un tradimento sono prove valide. Questo perché è vero che la legge punisce l’illecito trattamento di dati altrui, ma solo quando si tratta di conseguirne un ingiusto profitto, cosa che non ricorre quando di agisce per tutelare un proprio diritto in tribunale, come nell’ipotesi di una causa di separazione o divorzio.

Il reato di illecito trattamento dei dati scatta solo quando si agisce «per fini esclusivamente personali»; il che significa che se tali fini non sussistono, il privato non commette illecito penale. Non vi è dubbio, a questo punto, che foto, filmati e registrazioni di un tradimento sono utilizzate in causa non già per «scopi personali» ma per difendersi dalla richiesta, ad esempio, dell’assegno di mantenimento. Il che significa che sono prove valide e possono essere liberamente usate.

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi