Figlio maggiorenne trentenne deve attivarsi per la ricerca di un lavoro

assegno divorzile revocabile se la madre può lavorare part time
16 settembre 2021
Madre no vax: limitata la responsabilità genitoriale
18 settembre 2021

Il figlio divenuto maggiorenne ha diritto al mantenimento a carico dei genitori soltanto se, ultimato il prescelto percorso formativo scolastico, dimostri, con conseguente onere probatorio a suo carico (o del genitore richiedente), di essersi adoperato effettivamente per rendersi autonomo economicamente, impegnandosi attivamente per trovare un’occupazione in base alle opportunità reali offerte dal mercato del lavoro, se del caso ridimensionando le proprie aspirazioni, senza indugiare nell’attesa di un’opportunità lavorativa consona alle proprie ambizioni. Tale onere non è stato assolto nel caso di specie, in cui non vi è stata una compiuta allegazione, da parte del coniuge richiedente il contributo per i figli, in ordine alle effettive possibilità occupazionali dei figli più grandi, all’impegno speso nella ricerca di un’occupazione, anche considerato che allo loro età (33 e 28 anni) il percorso formativo è generalmente concluso in cui si afferma espressamente che la prova dell’impegno profuso nella ricerca di un’occupazione è più gravosa, man mano che l’età del figlio aumenti, in ragione del principio di autoresponsabilità).

Corte d’Appello di Catanzaro, sentenza 838, sezione Prima del 11-06-2021

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi