Divisione della casa: si fa con giudizio ordinario, non con la revisione

Affido esclusivo se i figli disprezzano il padre
25 settembre 2018
Casa acquistata con denaro dei genitori e cointestata cade in comunione
28 settembre 2018

La separazione consensuale è un negozio di diritto familiare avente un contenuto essenziale – il consenso reciproco a vivere separati, l’affidamento dei figli, l’assegno di mantenimento e l’assegnazione della casa familiare, ove ne ricorrano i presupposti – ed un contenuto eventuale, che trova solo occasione nella separazione, costituito da accordi patrimoniali del tutto autonomi che i coniugi concludono in relazione all’instaurazione di un regime di vita separata.

Ne consegue che questi ultimi non sono suscettibili di modifica in sede di ricorso ad hoc ex art.710 c.p.c., potendo essa riguardare unicamente le clausole aventi causa nella separazione personale, ma non i patti autonomi.

In particolare, la domanda di divisione dell’immobile in comproprietà costituente l’abitazione familiare dei coniugi va proposta nelle forme ordinarie del giudizio di scioglimento della comunione, e non secondo la disciplina dell’art.710 c.p.c., considerato che detta domanda attiene al regime della proprietà e non presenta dirette connessioni od interferenze sulle condizioni della separazione.

Cass. civ. Sez. II, 26 luglio 2018, n. 19847

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi