Comunione legale: nessun diritto al rimborso delle migliorie sulla casa familiare

Assegno di mantenimento : iscrizione di ipoteca solo se c’è il pericolo dell’inadempimento
18 gennaio 2023
Assegno di separazione non serve a compensare la perdita della casa al mare….
19 gennaio 2023

 

Le migliorie apportate da un coniuge alla casa familiare di proprietà esclusiva dell’altro e non sono ripetibili in quanto rientrano nei bisogni della famiglia, dovendo ritenersi che detti bisogni, al cui soddisfacimento i coniugi sono tenuti a norma dell’articolo 143 Cc, non si esauriscono in quelli, minimi, al di sotto dei quali verrebbero in gioco la stessa comunione di vita e la stessa sopravvivenza del gruppo, ma possono avere, nei singoli contesti familiari, un contenuto più ampio, soprattutto in quelle situazioni caratterizzate da ampie e diffuse disponibilità patrimoniali dei coniugi, situazioni le quali sono anch’esse riconducibili alla logica della solidarietà coniugale.

Cass. civile  ordinanza 864, sezione Sesta – 1 del 13-01-2023

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi