Comunione ereditaria, migliorie apportate da un coerede

Alimenti e non assegno all’ex che da molti anni ha lasciato la famiglia
2 aprile 2021
Nullità ecclesiastica non fa venir meno l’assegno di divorzio
4 aprile 2021

Al coerede che, prima della divisione, ha posseduto il bene in via esclusiva ed ha ritenuto di apportarvi miglioramenti che ne hanno incrementato il valore, così operando  «quale mandatario o utile gestore», anche a favore degli altri coeredi, che indirettamente hanno tratto beneficio dalla sua attività,  spetterà decidere se domandare loro l’indennità per le migliorie o il rimborso delle spese sostenute per il bene comune e il calcolo di convenienza avverrà confrontando l’importo speso e l’incremento di valore ottenuto; quest’ultimo, però, andrà rapportato alle quote di spettanza ereditaria, sicché in molti casi, specialmente se i coeredi sono molti, sarà preferibile per chi ha pagato i lavori chiedere agli altri coeredi il rimborso delle spese, che è già stato interamente sostenuto e ora dovrà essere rimborsato.

Cass. ord. n. 8938 del 31.03.2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi