Assegno di divorzio: non basta l’autosufficienza economica per escluderlo

Abbandono della casa coniugale e addebito
12 giugno 2020
Deve restituire i regali eccessivi il convivente al termine della relazione
13 giugno 2020

nello stabilire se spetta o meno il diritto all’assegno divorzile– e in caso positivo determinare l’ammontare – non bisogna considerare soltanto il profilo della raggiunta autosufficienza economica, ma valutato anche quale apporto il coniuge richiedente aveva fornito al menage familiare durante il rapporto di coppia.

In questo ambito, occorrerà verificare se e come, cioè in che misura economicamente valutabile, il coniuge che richiede l’assegno divorzile aveva contribuito alla formazione del patrimonio comune tra i coniugi o di quello personale di ciascuno; andranno considerati tutti gli elementi che influiscono in questa valutazione, come la durata del matrimonio, l’età dei coniugi e il rispettivo tenore di vita nelle varie epoche di svolgimento del rapporto coniugale.

nel caso di specie , i Giudici avevano escluso l’assegno per l’ex moglie che lavorava in nero come colf sul presupposto che fosse economicamente indipendente, senza tuttavia tenore conto degli altri elementi su indicati

Cass. sez. VI civile, sent. n. 11202/20 del 11 giugno 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi