Assegnazione della casa e rifiuto dell’ex di andarsene

No al mantenimento del figlio ultratrentenne universitario dotato di patrimonio personale
9 dicembre 2013
Recupero crediti, Antitrust sanziona impresa per pratiche aggressive
13 dicembre 2013

Con la separazione, se ci sono figli minori o maggiorenni non autosufficienti, il Giudice assegna la casa familiare al coniuge/partner con cui i figli vivono. Può accadere però che l’altro non se ne voglia andare. Che fare in questo caso ?

L’assegnatario della casa può chiedere l’esecuzione forzata del provvedimento del Giudice, così ottenendo l’allontanamento coattivo nei confronti dell’ex che non ha più titolo per abitare nella casa coniugale.

L’assegnazione della casa coniugale comporta infatti il diritto di goderne in via esclusiva, e quindi il titolare del diritto di abitarvi può ottenere nei confronti dell’altro un precetto che ordini il rilascio immediato. Se ciò non bastasse, l’ufficiale giudiziario potrà “forzare” il materiale rilascio.

Il rifiuto a rilasciare la casa ha anche rilevanza penale, poichè può integrare il reato di violazione di domicilio.

 

 

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi