Anche il marito invalido deve versare l’assegno per l’ex

Spese straordinariemper i figli: il Protocollo di Torino
4 aprile 2016
L’avvocato non può autoassistersi nella procedura di negoziazione assistita
9 aprile 2016

L’invalidità non è un buon motivo per ridurre l’assegno di mantenimento per l’ex: occorre valutare in modo specifico le condizioni economiche della coppia e anche la capacità lavorativa dell’obbligato, che non è automaticamente esclusa per il solo fatto di essere invalido.

Lo afferma la Cassazione con ordinanza n. 6252/2016 accogliendo il ricorso di una donna contro la sentenza d’appello che aveva ridotto l’assegno a carico del marito sul presupposto dell’invalidità.

Infatti, non è detto che la salute precaria precluda lo svolgimento di un’attività
lavorativa e inoltre l’assegno di invalidità può ben essere attribuito anche a chi continua a lavorare.

Nel caso di specie poi le condizioni economiche dell’ex marito erano discrete, disponendo questi “di un conto corrente con un saldo cospicuo e di una casa, oltre quella di proprietà, dove vive”.

L’assegno per la moglie andrà quindi ricalcolato alla luce di una “comparazione articolata, analitica e specifica delle condizioni economiche dei coniugi che, per molti versi, non è stata approfondita”

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi