Amministrazione di sostegno e diritto alla sessualità

Fecondazione assistita omologa e separazione
17 aprile 2021
Anche un abbraccio può essere violenza sessuale
19 aprile 2021

Non sussiste alcun potere del Giudice sulla sessualità del soggetto con disabilità, potendo solo svolgere accertamenti di minima invasività per verificare le condizioni di benessere psicofisico della persona.

La sfera sessuale rientra fra i diritti fondamentali incomprimibili, essendo forma di espressione della persona, diritto inviolabile ai sensi della carta costituzionale. La convenzione sui diritti delle persone con disabilità fatta a New York il 13.12.2006 riconosce la libertà di compiere le proprie scelte (art.3) e dispone che le misure relative all’esercizio della capacità giuridica siano proporzionate e adatte alle condizioni della persona.

L’esigenza di protezione non può tradursi in un esproprio dei suoi diritti.

Posto che non può essere messo in discussione il diritto del disabile alla sessualità, rileva tuttavia il suo esercizio, ove il beneficiario, anziché soggetto, diventi oggetto mercificato.

Trib. Torre Annunziata, 22.10.2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

avvocato san marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi