Ammettere di non amare più il coniuge non è provocazione che vale come attenuante

Omesso mantenimento dei figli: reato perseguibile sempre d’ufficio
23 marzo 2020
Se i genitori hanno redditi equivalenti devono mantenere i figli nella stessa misura
24 marzo 2020

 

Ammettere di amare un altro uomo e trovarsi nell’impossibilità di interrompere la convivenza coniugale, proprio per l’atteggiamento padronale e costrittivo del coniuge, non può integrare a favore del marito l’elemento strutturale della circostanza attenuante della provocazione, avendo inciso l’atteggiamento (questo ingiusto) di costui sul diritto personale della donna di non continuare una convivenza matrimoniale, essendo venuta meno l’affectio maritalis.

Cass. penale sentenza 3 febbraio 2020 n. 4373

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi