Al coniuge superstite non spetta il diritto d’abitazione se la casa è di un terzo

Genitore autorizzato a vaccinare il figlio contro il Covid anche se l’altro non vuole
22 ottobre 2021
Assegno divorzile può essere chiesto per la prima volta in appello
22 ottobre 2021

Il diritto di abitazione sulla casa familiare spetta sia nei confronti dell’immobile di proprietà di entrambi i coniugi sia su quello di proprietà esclusiva del defunto. Non spetta invece sull’appartamento in affitto, proprio perché la titolarità del bene è in capo a soggetto diverso dal defunto.Se anche una quota dovesse essere di proprietà di un terzo, il diritto di abitazione è escluso in partenza.

È ovviamente facoltà del locatore proseguire il contratto “volturandolo” a nome del coniuge superstite fino alla scadenza del contratto stesso o anche oltre.

Cass. ord. n. 29162/21 del 20.10.2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi