Riduzione assegno per perdita del potere d’acquisto dell’euro

Beneficio fiscale prima casa non si perde se il trasferimento è fatto nell’ambito della separazione
4 marzo 2019
Figlio universitario fuori sede e assegnazione della casa familiare
5 marzo 2019

Considerato che il reddito deve essere valutato in relazione al suo potere d’acquisto nel momento in cui viene percepito, al fine di valutare la sussistenza dei presupposti per la revisione dell’assegno divorzile è corretto procedere alla rivalutazione del reddito percepito dal coniuge obbligato al momento della sentenza di divorzio per poterlo comparare con quello attuale, tenuto conto altresì che l’assegno divorzile è soggetto a rivalutazione.

Nel caso di specie, viene rideterminato, abbassandolo, l’importo dell’assegno divorzile tenuto conto che dal 2002 era intervenuta la potere di acquisto della moneta negli anni, oltre alla conseguente devalutazione degli attuali redditi netti del marito, ammontanti a euro 160.859,00, rispetto a quelli percepiti nell’anno 2002 (su cui sono state parametrate le condizioni del divorzio pronunciato nel marzo del 2003) e ammontanti a euro 186.080,00.

Trib. Pavia 24 gennaio 2019

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi