La sentenza non definitiva di separazione o divorzio è automatica

Il genitore che si disinteressa del figlio deve risarcire il danno non patrimoniale e morale
8 settembre 2017
Mantenimento con la separazione se c’è disparità economica tra i coniugi
12 settembre 2017

Con la sentenza n.20666/2017 la Cassazione, richiamando un suo orientamento precedente (Cass. n. 10484/2012) afferma che l’art. 709-bis  sancisce esplicitamente che, in materia di sentenza non definitiva procedimento di separazione e procedimento di divorzio sono equiparati, anche al fine di evitare condotte processuali dilatorie che possano negare a una delle parti il diritto di ottenere una pronuncia sollecita in ordine al proprio status.

Il Giudice è tenuto, d’ufficio, a pronunziarsi con sentenza parziale sulla separazione e sul divorzio quando la causa, sul punto, è matura per la decisione risolvendosi detta previsione in «uno strumento di accelerazione dello svolgimento del processo». Tale provvedimento non comporta una discriminazione arbitraria verso il coniuge più debole sia poiché quest’ultimo può sempre richiedere provvedimenti temporanei e urgenti ex art. 4, l. div., modificabili e revocabili dal Giudice istruttore al mutare delle circostanze, sia perché il Giudice può attribuire l’assegno divorzile con decorrenza dalla data della domanda.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi