Entrare nel profilo Facebook della moglie è reato

Anche gli insulti alla moglie costituiscono il reato di maltrattamenti
23 gennaio 2019
Affido esclusivo in caso di violenza
26 gennaio 2019

Entrare nel profilo Facebook di mogli o ex fidanzate, che abbiano spontaneamente comunicato le proprie credenziali di accesso, è  reato se avviene contro la loro volontà. Secondo la  Cassazione la condivisione di username e password con il partner non costituisce di fatto consenso all’accesso informatico sul social dell’altro e di cui, in modo lecito, si posseggono le chiavi di accesso. Non scatta, quindi, alcuna scriminante del reato previsto dall’articolo 615- ter del Codice penale se si fotografano chat intrattenute su Facebook o se addirittura si utilizza il social simulando di essere il titolare del profilo. In questo caso scatta anche il reato di sostituzione di persona.
Non opera alcuna scusante in caso di  lecita conoscenza delle chiavi di accesso. E ancor meno  se si modificano le credenziali impedendo l’accesso al titolare o se si utilizza il social per ingiuriare terzi sotto la falsa identità di chi formalmente appare. Nelle due vicende i fatti erano in un caso l’acquisizione di una chat, fonte di lite tra due coniugi, e poi prodotta ‘a carico della moglie’ in sede di separazione; e nell’altro il sostituirsi alla ex per ingiuriare il rivale.

Cass.penale nn. 2942 e 2905/2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi