Con assegnazione non si perdono i benefici “prima casa”

Affido condiviso anche se i genitori sono entrambi stranieri (Regol. UE 2201/2203)
25 marzo 2019
Assegno di divorzio nell’unione civile
26 marzo 2019

Ai fini fiscali, l’acquisto di un immobile in regime di comunione legale deve essere equiparato alla contitolarità indivisa dei diritti sui beni tra soggetti tra loro estranei. Ne consegue, quindi, che la perdita del diritto d’uso del bene in comunione da parte di uno dei coniugi per effetto di una sentenza di divorzio, non consente più di destinare la casa comune ad abitazione di uno solo dei comproprietari, venendo meno la comunione. Pertanto, la titolarità della quota non integra più un diritto reale, trasformandosi per effetto della separazione in un diritto personale di godimento, di natura atipica, per l’ex coniuge assegnatario dell’immobile e in un bene inidoneo a soddisfare le esigenze abitative per il coniuge separato, escluso dall’assegnazione.

In conclusione, quindi, l’ex coniuge non assegnatario dell’abitazione preposseduta (in comunione) può acquistare un nuovo immobile con l’agevolazione in oggetto.

Ctp Reggio Emilia 18/2/2019

 

Comments are closed.

rilevazione presenze
avvocato san marino
Commercialista San Marino
psicologo san marino
web agency san marino
professional digital agency
web marketing conto corrente online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi